I quattro libri sul futuro della scuola da leggere sotto l’ombrellone (23/08/2019)


Scuole multiculturali, scuole digitali, scuole creative. Per capire quale può essere il futuro della scuola in un mondo che cambia, l’estate è il momento migliore per prendersi del tempo e leggere qualche libro che parli di banchi, aule, insegnanti e studenti. Ecco quattro suggerimenti, con quattro diversi punti di vista e stili narrativi.

Via dalla pazza classe. Educare per vivere. In questo libro pubblicato da Mondadori, Eraldo Affinati parte dalla straordinaria testimonianza delle scuole Penny Wirton per l’insegnamento gratuito della lingua italiana agli immigrati da lui fondate. È la storia di una nuova esperienza didattica dove ci si guarda negli occhi, senza classi e senza voti, in una relazione d’amicizia e simpatia. Con un’importante scommessa sul futuro: puntare tutto sulla capacità di rinascita degli adolescenti italiani che insegnano la nostra lingua ai loro coetanei provenienti da ogni parte del mondo.

Scuola Creativa. Il libro di Ken Robinson, pubblicato in Italia da Erickson, racconta la visione dell’autore sul ruolo della scuola e la necessità di trasformazione. Robinson è una delle voci più influenti al mondo in materia di istruzione. La sua Ted Talk “Le scuole uccidono la creatività?” è stata tra le più viste degli ultimi anni. In questo testo spiega che non bastano le riforme o le tecnologie a cambiare la scuola, ma occorre ripensare del tutto il percorso formativo dall’asilo all’università.

Dopo la scuola. Come costruire il tuo futuro in sei semplici mosse. Il libro edito da Skuola.net, il portale più visitato dagli studenti, propone un metodo per scegliere cosa fare dopo la maturità. Il testo dà idee ai ragazzi e li rassicura con una verità base: c’è un posto per tutti. A curare il libro Daniele Grassucci, giornalista co-founder di Skuola.net e primo sperimentatore del metodo, e Raffaello Masci, giornalista e de La Stampa esperto di scuola e formazione…



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *